Fotografie e film di famiglia per raccontare la vita e le storie

CLICK! INQUADRO IL MONDO … a modo mio

Educare agli immaginari con la fotografia e con il cinema nella scuola

Guida, parte prima

5. Fotografie e e film di famiglia per raccontare la vita e le storie 

Madre e figlia, Scandriglia (RI), 1939

Dopo aver letto questo capitolo, gli insegnanti potranno avviare le attività di laboratorio con i ragazzi alla scoperta delle storie di famiglia, utilizzando le schede specifiche.

Con l’invenzione della fotografia si diffonde subito il ritratto di famiglia, realizzato grazie allo “specchio dotato di memoria” (secondo la definizione di Oliver Wendell Holmes, 1809-1894, letterato, fisico e fotografo non professionista americano). I primi ritratti fotografici, non riproducibili, sono dagherrotipi, come abbiamo già scritto, e rappresentano persone, donne, uomini, bambini, adulti, anziani, ritratte singolarmente, in coppia, o in gruppo. Il ritratto di famiglia, precedentemente realizzato con la pittura, dalla seconda metà dell’Ottocento è sempre più “disegnato dalla luce” su una emulsione ai sali d’argento. Poche le persone a farne inizialmente uso, soprattutto nobili e famiglie borghesi facoltose, perché si tratta di una tecnologia costosa. Con l’industrializzazione della fotografia, dopo l’invenzione della sua riproducibilità, della pellicola di cellulosa, dell’emulsione alla gelatina ai sali d’argento, della standardizzazione dei formati, della diffusione di macchine e dispositivi non professionali, con la diminuzione progressiva dei tempi di posa, soprattutto dai primi del Novecento in poi, ecco anche affermarsi la fotografia amatoriale, che a volte coincide, ma non necessariamente, con quella di famiglia.

Uno dei primi grandi fotografi amatoriali, “specializzato” nelle foto di famiglia, dopo i fratelli Lumière, sarà Jacques Henri Lartigue (1894-1986), un bambino fotografo prodigio, appartenente a una ricca famiglia francese, le cui immagini hanno raccontato con spirito leggero, ironico, spassoso, giocoso la Belle Epoque, a partire dai suoi affetti.

[…]

Lo specchio dotato di memoria riguarda dunque innanzitutto la memoria privata, accanto a quella pubblica, che tramanda ritratti di re e regine, capi di stato, parate militari, inaugurazioni e commemorazioni, generali ed eserciti. Memoria e rappresentazione, ossia scelta del punto di vista con cui riprendere e proporre a chi guarda e a chi guarderà in futuro, le immagini dei propri cari, le immagini della politica. Sono in buona parte simili le finalità, a pensarci bene, nel pubblico e nel privato: “documentare” ciò che il tempo porterà via, “immortalare” nel migliore dei modi, secondo il gusto, la mentalità, il bisogno, il senso di identità e di appartenenza nel tempo, dei diversi gruppi sociali. Rappresentare, comunicare, avere e proporre una visione, propagandare.

Continua a leggere, scaricando il pdf del capitolo integrale, a seguire.

Guida_Parte_I_Capitolo_5 (PDF)

BIBLIO-WEBGRAFIA DEL QUINTO CAPITOLO

Fotografie e linguaggi per raccontare la vita e le storie di famiglia

Ferdinando Scianna, Lo specchio vuoto. Fotografia, identità e memoria, Laterza, Bari 2017

Roland Barthes, La Camera chiara. Nota sulla fotografia, Einaudi, Torino 2003

Gianni Nuti, Le briciole di Pollicino: fotografia e didattica tra scuola ed extrascuola, Franco Angeli, Milano 2012

L’Italia del Novecento. Le fotografie e la storia, a cura di G. De Luna, G. D’Autilia, L. Criscenti. III, Gli Album di famiglia, Einaudi, Torino 2006

Nel web

Sguardi e Storie. Immaginare storie e ricostruire memorie a scuola con le fonti fotografiche e audio-visive, progetto di educazione all’immagine fotografica e audiovisiva nelle scuole: https://sguardiestorie.wordpress.com/ , 2018

Lartigue, Jacques Henri, biografia in francese o in inglese: https://www.lartigue.org/en/jacques-henri-lartigue/biography/

L’Album fotografico: oggetto e narrazione. Videoatti del Convegno internazionale di studi, promosso e organizzato dall’ICCD a Roma, novembre 2017,

https://www.youtube.com/playlist?list=PL_oPaddUJzM8rcYHmP-MX-C5NX9kWRqvf

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...