Cine Foto Educa alla scuola elementare Gianturco di Roma

dav

Alla fine del 2018 la scuola elementare romana L. E. Gianturco, che fa parte dell’Istituto comprensivo Ennio Quirino Visconti, ha aderito alla prima sperimentazione di educazione, attraverso l’uso delle fonti fotografiche in particolare, agli immaginari sociali, storici, del presente dei ragazzi degli ultimi due anni del ciclo di studi delle scuole primarie e del primo anno delle scuole d’istruzione secondaria di I grado.

gianturco

Come specificato nella pagina dedicata alla presentazione del Progetto Cine Foto Educa, nella sua prima fase sono stati organizzati due incontri per i docenti della Gianturco, la cui adesione è di circa 15 persone, tutte donne. Organizzatrice e coordinatrice per la scuola della realizzazione del progetto è la maestra Fiorella Nicolini.

I due appuntamenti – il primo svoltosi a dicembre 2018, di presentazione generale del progetto, e il secondo il 28 febbraio 2019, di carattere seminariale – sono stati tenuti da Patrizia Cacciani, responsabile dell’Ufficio studi, catalogazione e formazione dell’archivio storico Luce Cinecittà, e da Letizia Cortini che lavora da anni nell’ambito del trattamento e della valorizzazione dei patrimoni fotografici e audiovisivi, occupandosi anche di didattica e formazione per l’uso consapevole da parte dei giovani dei documenti di immagini.

Nei primi incontri, di circa 2 ore ciascuno, sono state svolte lezioni frontali sulla storia dei beni culturali fotografici e filmici, anche dal punto di vista della loro tutela e valorizzazione da parte dello Stato, quindi sugli istituti che custodiscono patrimoni di immagini in Italia. Buona parte dell’incontro del 28 febbraio è stata inoltre dedicata alla storia delle forme, dei processi di produzione, dei contenuti, dei supporti, delle tecniche e dello sviluppo del linguaggio fotografico e cinematografico, e ai loro elementi di base (inquadratura, piani, campi).

dav

E’ stata quindi condotta una piccola indagine su cosa fosse per le insegnanti la fotografia. Dalle molteplici risposte e riflessioni è emerso il fatto che, parlando di fotografia, i docenti facessero riferimento sia agli aspetti privati ed emozionali del ritrarre con la fotografia, sia agli aspetti dell’utilità di questa forma di espressione, narrazione e di testimonianza.

In sintesi, alla domanda che cosa sia la fotografia, ecco le risposte principali:

  • il ricordo del presente
  • l’immagine della realtà
  • la rappresentazione della realtà
  • la testimonianza di un momento fugace
  • un modo per raccontare
  • un modo per fissare un momento e immortalarlo
  • una forma di esibizionismo
  • un modo per catalizzare emozioni
  • una pratica per documentare
  • una pratica per denunciare
  • una forma d’arte
  • uno strumento per conoscere
  • scrivere con la luce.

Nel ricostruire le tappe principali della storia della fotografia si è quindi fatto riferimento proprio ad alcune delle risposte delle insegnanti, riflettendo soprattutto sugli scopi e le ricadute sociali e culturali della fotografia. Si è quindi sottolineato come la fotografia sia stata utilizzata, sin dalle origini (così il cinema) in tutti i campi del sapere, oltre che nella vita privata e per scopi amatoriali.

immagine1.jpg

Durante il secondo incontro, particolare attenzione è stata rivolta anche all’illustrazione dei principali archivi e giacimenti di immagini sul web, a cominciare dall’archivio storico dell’istituto Luce, del quale è stata tracciata anche una storia. Sono state date indicazioni sulle metodologie di ricerca nelle banche dati del Luce, per date, temi, autori, luoghi. Sono state fornite indicazioni su come scoprire nel web le principali risorse fotografiche, a partire dal portale sul censimento degli archivi fotografici italiani, a cura dell’Iccd (Mibac).

Sono stati quindi presentati alcuni strumenti utili per la decodifica del linguaggio delle immagini, per l’analisi dei contenuti e dei contesti di produzione delle fonti, a partire non solo dalle immagini d’archivio che si possono trovare sul web, ma anche e soprattutto dalle fotografie di famiglia.

Esempi di inquadrature e analisi del contesto di produzione di alcune fotografie sono stati condotti grazie alle foto di famiglia portate da alcune insegnanti.

Sono state quindi suggerite le linee guida anche per la raccolta delle fonti negli archivi di persone private, nelle famiglie dei ragazzi, e dei docenti stessi, ipotizzando anche temi legati a determinati periodi storici, o a fenomeni di trasformazione economica e sociale nel nostro paese.

Infine sono state anticipate le modalità di svolgimento di alcune attività laboratoriali che saranno condotte nel prossimo incontro, previsto per fine marzo 2019. A tutte le insegnanti è stato chiesto di scegliere e portare alcune foto di famiglia.

Sono state distribuite cartelline con materiali didattici stampati, relativi alla prima parte della Guida pubblicata su questo sito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...